venerdì 8 agosto 2014

Migranti

"In quegli anni partirono per il Belgio 140'000 lavoratori, 18'000 donne e 29'000 bambini, moltissimi di loro erano di San Giovanni in Fiore, Caccuri, Cerenzia, Castelsilano, Santa Severina, Rocca Bernarda, Savelli, Scandale, di tutta la Sila e dell'intero Marchesato di Crotone. Un fiume di Calabresi giunse in Belgio con i convogli ferroviari che partivano da Milano."

l' 8 agosto 1956 136 di questi migranti rimasero soffocati nella miniera di carbone di Marcinelle, in Belgio, insieme ad altri poveri cristi di altre nazionalità, per un totale di 262 morti.

58 anni dopo non se ne ricorda più nessuno di quando i migranti sudici, in miseria e portatori di malattie eravamo noi.

Facile dimenticare.