domenica 4 giugno 2017

Dohuk

La prima cosa che mi ha colpito e' stata la pulizia.
Dohuk e' una città pulitissima, ordinata, niente cumuli di spazzatura per terra, niente carcasse di auto abbandonate, nessun animale randagio che cerca cibo, nessun fuoco di roba abbandonata per strada.
La seconda e' l'aspetto ordinato e ben tenuto: strade ben tenute (ci sono meno buche sull'asfalto che fra Campi Bisenzio e Sesto Fiorentino, per dire), semafori funzionanti, segnali ed indicazioni stradali, traffico moltissimo ma scorrevole ed ordinato.
Poi le case: curate, ben tenute, ridondanti di decorazioni, colonnine, porte e finestre di forme complicate e suggestive (pure pacchiane, direi...)
Poi i giardini: la citta' e' molto verde, ci sono molti parchi pubblici estremamente curati, alberi, giardinetti privati...vedo spesso persone che innaffiano e giardinieri al lavoro.
Che siamo in Medio Oriente e non in Svizzera, piu' che altro, lo rivelano le terrificanti ragnatele di fili elettrici e cavi che percorrono la citta'. Roba da arresto immediato. E difatti ogni 3 x 2 salta la corrente in tutto il quartiere...e direi che non e' complicato capire il perche'.
Negozi e bazar numerosissimi, piccoli ma molto forniti, anzi, stipati di merci.
Confesso che mi aspettavo una situazione simile a quella del Sud Sudan, un paese stremato dalla guerra, che sopravvive fra un attacco terroristico, una carestia ed un paio di sparatorie con qualche morto al giorno.
Mi sbagliavo.
La guerra, qui, non si vede. La miseria neanche. Al massimo, quella lieve trascuratezza di lavori in corso e di cantieri sempre aperti con case da cui spuntano i tondini del cemento armato in attesa di aggiungere un piano, una scala, un altro pezzo perche' chissa'...
Quindi, tutto bene?
No, affatto...che c'e' molto da lavorare l'ho capito appena messo piede al Maternity Hospital. Una struttura fatiscente, con uno strano mix di muri scrostati ed attrezzature modernissime, un bagno per 18 pazienti (ammassate in un'unica stanza) ed un enorme schermo piatto che trasmette video educativi (pure ben fatti) sull'alimentazione in gravidanza, cura del neonato, allattamento, contraccezione.
Un numero abnorme di nascita (quasi 24.000 l'anno) con uno staff ai minimi termini (6 infermiere-ostetriche per turno fra reparto e sale parto) con orari da delirio (una settimana mattina, una settimana pomeriggio, una settimana notte, 3-4 giorni liberi e si riparte) ed una formazione largamente insufficiente (2 anni di corso per le ostetriche, con un totale di 3 mesi di tirocinio "di guppo" osservazionale, 4 anni per le infermiere-ostetriche, che pero' non possono assistere i parti, col solito tirocinio osservazionale di 6 mesi in totale).
Il risultato e' una mortalita' neonatale del 16%, materna del 5%.
Non usano il partogramma, non sanno cos'e' un indice di Apgar, non controllano il battito cardiaco fetale nella fase espulsiva (pochissimo in quella dilatante), non hanno (e non saprebbero usare) la Ventosa Ostetrica, non misurano le perdite ematiche post-partum. In compenso fanno un sacco di episiotomie (senza guanti o telini sterili...). Il pediatra c'e' solo di giorno.
E come sono arrivata, la prima domanda e' stata "quanto prendi per stare qui?". I loro stipendi non vengono pagati da 6 mesi, Baghdad non invia il denaro che gli spetterebbe ma che spende per la guerra contro i fondamentalisti .
Questo mese hanno pagato il personale con un "anticipo" di circa 300 dollari.
Bene, rimbocchiamoci le maniche e vediamo di partire: domattina inizio i corsi per introdurre il partogramma nell'uso quotidiano. Prima ho lavorato in reparto e sala parto per diversi giorni per capire come si svolgeva la loro routine quotidiana. Il secondo giorno mi hanno chiesto se sapevo mettere gli aghi cannula, il terzo se sapevo assistere i parti. Mi hanno messo un paio di forbici in mano e mi hanno detto "questa e' al primo bambino, devi fargli l'episiotomia". Quando gli ho chiesto il motivo, mi hanno risposto "se non la sai fare, la faccio io". Ok, grazie per la risposta: adoro la gente che ha delle certezze. Poi pero' mi hanno impedito di suturare, perche' qello lo devono fare le dottoresse. La ragazza (16 anni) ha aspettato piu' di un'ora sul lettino che qualcuno la suturasse.
Tutto normale.
Ogni tanto rimpiango Firenze.