venerdì 2 dicembre 2011

Alice guarda i gatti...

...e i gatti si fanno i cazzacci loro, come sempre.

Il mondo si divide fra quelli che adorano i gatti e quelli che non li sopportano...
Hitler e Maometto li amavano, e non sono molto felice di essere in loro compagnia...oddio, non ho grandi cose contro Maometto, a dire il vero, ma come tutti quelli che hanno a che fare con le religioni penso che se si fosse dedicato solo ai gatti saremmo stati tutti meglio...
Hitler, cosa si puo' dire di lui e del suo fan club? Lasciamo perdere, la storia ha gia' detto tutto....
Charles Baudelaire, Freddy Mercury ed Ernest Hemingway amavano i gatti, e sono una compagnia con cui sto proprio bene.
Il primo ha scritto molto di gatti, e mi rammento sempre una splendida poesia dedicata ad uno dei suoi micioni:

Il gatto


Vieni, mio bel gatto, sul mio cuore innamorato;
trattieni le unghie della zampa,
e lasciami sprofondare nei tuoi begli occhi striati
di metallo e d'agata.
Quando le dita indugiano ad accarezzare
la tua testa e il dorso elastico
e la mano s'inebria del piacere di palpare
il tuo corpo elettrico,
vedo la mia donna in spirito. Il suo sguardo
come il tuo, amabile bestia,
profondo e freddo, taglia e fende come un dardo,
e, dai piedi fino alla testa,
un'aria sottile, un minaccioso profumo
circolano attorno al suo corpo bruno.

Freddy amava i gatti, li adorava, ne aveva la casa piena e mori' circondato dai suoi amati mici...Questo un bell'articolo che parla del suo grande amore per quelle affascinanti creature, e questa la canzone che dedico' ad una delle sue gattine preferite, Delilah.

Hemingway, col quale condivido anche il compleanno (21 luglio, 1899 lui, 1965 io) e l'amore per il mare e per Cuba, era un noto gattofilo: ricevette in regalo un gatto con sei dita dal capitano di una nave. Alla sua morte la sua casa divenne un museo e una casa per i suoi gatti. Oggi la casa contiene una sessantina dei loro discendenti, la metà dei quali è polidattile.
Poi ci sarebbero sicuramente un sacco di altri personaggi amanti dei gatti, una valanga di canzoni, poesie, libri, dischi, film, e chissa' quante altre cose che parlano di gatti...

Intanto, questi qui sopra sono alcuni dei miei gatti intenti a far nulla sul mio divano...beh, spendo un po' in croccantini, ma risparmio moltissimo di riscaldamento...

E infine, la bella canzone di De Gregori che dà il titolo a questo post: non e' una canzone sui gatti, ma l'immagine di Alice che guarda i gatti e' una di quelle che ti si piantano in testa e non ti lasciano piu'....
A presto, e buona serata a tutti.
 
Francesco De Gregori Alice

SOL DO
Alice guarda i gatti e i gatti guardano nel sole
RE
mentre il mondo sta girando senza fretta.
SOL DO
Irene al quarto piano è lì tranquilla, che si guarda nello specchio
RE
e accende un'altra sigaretta.
SOL DO SI- DO
E Lilì Marleen, bella pi— che mai
RE DO SOL DO- SOL
sorride non ti dice la sua età.......ma tutto questo Alice non lo sa.
RE DO SOL MI-
Ma io non ci sto più, gridò lo sposo e poi
DO RE RE7
tutti pensarono dietro ai cappelli, lo sposo è impazzito, oppure ha bevuto
SOL SI- MI- LA7 DO SOL
ma la sposa aspetta un figlio e lui lo sa, non è così, che se ne andrà.
SOL DO
Alice guarda i gatti e i gatti muoiono nel sole
RE
mentre il sole a poco a poco si avvicina.
SOL DO
E Cesare perduto nella pioggia, sta aspettando da sei ore
RE
il suo amore ballerina.
SOL DO SI- DO
E rimane lì, a bagnarsi ancora un po'
RE DO SOL DO- SOL
e il tram di mezzanotte se ne va.......ma tutto questo Alice non lo sa.
RE DO SOL MI-
Ma io non ci sto più, e i pazzi siete voi
DO RE RE7
tutti pensarono dietro ai cappelli, lo sposo è impazzito, oppure ha bevuto
SOL SI- MI- LA7 DO SOL
ma la sposa aspetta un figlio e lui lo sa, non è così, che se ne andrà.
SOL DO
Alice guarda i gatti e i gatti girano nel sole
RE
mentre il sole fa l'amore con la luna.
SOL DO
Il mendicante arabo ha qualcosa nel cappello,
RE
ma è convinto che sia un portafortuna.
SOL DO SI- DO
Non ti chiede mai, pane o carità
RE DO SOL DO- SOL
e un posto per dormire non ce l'ha.......ma tutto questo Alice non lo sa.
RE DO SOL MI-
Ma io non ci sto più, gridò lo sposo e poi
DO RE RE7
tutti pensarono dietro ai cappelli, lo sposo è impazzito, oppure ha bevuto
SOL SI- MI- LA7 DO SOL
ma la sposa aspetta un figlio e lui lo sa, non è così, che se ne andrà