martedì 19 luglio 2011

Jugoslavia (Help me!)

Dopo l'ubriacatura del MetalCamp, dopo essere passata per quella zona di confine che sta fra l'Italia e la Slovenia ed aver scoperto che Tolmin, fino al 1947, faceva parte del Regno D'Italia e si chiamava Tolmino, viene spontaneo farsi un po' di domande su quello che e' stata la Jugoslavia, come e' nata, come e' finita e cosa ne e' rimasto....
Devo rivelare di avere un velo molto spesso su quel periodo che e' seguito alla dissoluzione del'URSS, e non mi sono documentata molto sulla guerra nella Ex-Jugoslavia.....vuoti di memoria che sicuramente nascondono un dolore, ma che tanto vale affrontare....
Se qualcuno volesse suggerirmi dei link o una bibliografia sulla storia di quello stato, di quel periodo, di quella guerra, gliene sarei grata.
Ovviamente, pregherei di soprassedere roba che non sia dal mio lato.....insomma, le stronzate sulle foibe non mi interessano, se qualcuno ha ammazzato qualche fascio e qualche collaborazionista ha fatto solo bene e gliene sono grata, non mi interessa neppure roba nazionalista o rivendicazioni territoriali, mi piacerebbe leggere un'analisi storica obiettiva (ed obiettivamenbte di sinistra).
Intanto, quando son passata da Gorizia, ho cominciato a cantare a squarciagola una vecchia canzone:
O Gorizia tu sei maledetta - Les Anarchistes
Non la conoscete, immagino....beh, magari si....comunque, se non la conoscete, ve la presento:
AntiWarSongs: Gorizia

"La battaglia di Gorizia (9-10 agosto 1916) costò, secondo dati ufficiali, la vita a 1.759 ufficiali e 50.000 soldati circa, di parte italiana; di parte austriaca a 862 ufficiali e 40.000 soldati circa.
Fu uno dei più pazzeschi massacri di una guerra tutta pazzesca."O Gorizia tu sei maledetta" è una canzone sulla guerra, che da sempre fa parte della tradizione anarchica e antimilitarista. Nel 1964 venne presentata al Festival dei Due Mondi di Spoleto dal Nuovo Canzoniere Italiano nello spettacolo "Bella ciao", suscitando l'ira dei benpensanti. Quando Michele L. Straniero e Fausto Amodei iniziarono a cantare "Gorizia" avvennero incidenti in sala; la destra cercò di impedire le rappresentazioni; Straniero, Leydi, Crivelli e Bosio furono denunciati per vilipendio delle forze armate. "


Vilipendiamo pure le Forze Armate, per quanto mi riguarda e' una cosa che faccio di continuo ed auspico altrettanto di continuo...

Ed intanto, un articolo che ho trovato interessante:
Jugoslavia, un sogno mancato.

A presto


"Oh Gorizia you are cursed" is one of the nicest and most meaningful anti-war songs; it was against the First World War. it was first performed by Michele Luciano Straniero and Fausto Amodei and published in the record "Il povero soldato 2" edited by Roberto Leydi. The original tune was collected by Cesare Bermani in Novara by a man who testified he had heard it sung by the infantry who conquered Gorizia on 10th August 1916. In 1964 it was performed at The "Two World Festival" in Spoleto by Il Nuovo Canzoniere Italiano in the show "Bella ciao" arousing the fury of right-wing conformists. When Straniero and Amodei started singing there occurred disorders in the audience hall; the rightists tried to hinder the performance. Straniero and Leydi were reported to the police for public insult to the Armed Forces."