lunedì 27 giugno 2011

welcome home.....

...tutto come sempre, sveglia, caffe', doccia, colazione davanti al quotidiano (online) che leggo abitualmente...e subito qualche buona notizia per rimettersi in pace col mondo:
stupro di gruppo
Tre cari fanciulli italianissimi (ma non erano solo gli immigrati clandestini che violentavano le italiane?), in vacanza con la famiglia, che per passare il tempo trovano del tutto normale prendere una coetanea e violentarla a turno in spiaggia...e poi tornare in tenda dalla mamma, ovviamente.
Non ci arrivo....con tutti gli sforzi che posso fare, della spiaggia a 15 anni mi ricordo i rossori, gli appuntamenti di nascosto, la paure e le ansie...
Questi cosa sono? Da dove vengono fuori? Come e' possibile? Che diavolo sta succedendo? La cosa che mi mette piu' paura in assoluto e' che questi non sono mostri....sono ragazzini normalissimi, ed allora forse normalissima non sono io, non siamo della stessa specie, non e' possibile....
Se dovessi avere una filgla di 15 anni (che per fortuna non ho), che dovrei dirle? Non parlare con nessuno, non restare mai da sola, non andare in spiaggia, stai attenta ai tuoi compagni di classe, torna a casa alle 23.....dopo che ho passato la vita a sostenere il diritto delle donne a muoversi, vestirsi, a non avere paura? Forse dovrei iscriverla da bambina ad un corso di karate ed insegnarle a reagire, ad essere violenta, come le eroine dei videogames....magari a portarsi dietro un tirapugni? ....
Comincia male la settimana....
Intanto, questa la dedico a tutte le donne:
Bob Marley - No woman, no cry